GALLERY

Una corsa fantastica ambientata in un paesaggio altrettanto unico ed esclusivo. Eccone un assaggio

Contatti

  • Grey Facebook Icon

Bi@Bike Event Asd

Via G.C. Pellegrini Cipolla

37039 - Tregnago - Verona

CF e P.Iva: 04294340239

 

+39 389 683 0480

granfondotrevalli@gmail.com

privacy policy - cookie policy

Gli errori più comuni nella preparazione invernale del biker!

Scopriamo insieme al dottor Marcello Pavarin il perchè e come è possibile sfruttare al meglio questo periodo.

L’inverno è un momento di fondamentale importanza per il biker. Se gli allenamenti  saranno adeguati, potrete affrontare la stagione ciclistica a venire con minori difficoltà e ottenendo invece migliori risultati. Al contrario un inverno fatto a tutto gas  vi farà spendere un sacco di energie che non saranno più disponibili d’estate.

 

L’inverno è il momento in cui tirare le somme della stagione precedente, prendersi alcuni giorni di riposo e capire gli errori commessi per evitare di ripeterli. E’ questa la fase ideale per partire con la programmazione dell’anno successivo (scopri come preparare il tuo primo appuntamento stagionale) facendo tesoro di quello successo nella stagione appena conclusa.

 

PRIMO ERRORE: non fermarsi mai.
Il periodo di riposo deve essere la fase iniziale della stagione a venire. E’ il momento di ricaricare le batterie per essere pronti a ripartire. E’ normale che la condizione fisica  “peggiori” e che si debba successivamente lavorare per portarla nuovamente a livelli ottimali.


Il riposo non deve per forza essere uno stop assoluto dall’attività fisica ma i ritmi di lavoro devono essere molto bassi e si deve pedalare solo per svago senza porre l’attenzione sui valori o sul contachilometri ma guardando al massimo il paesaggio circostante.


Come riprendere l’allenamento dopo la fase di riposo?
Innanzi tutto la ripresa deve essere graduale: palestra, camminate in montagna, corsa a piedi, skialp. Questi sono sport molto utili in questo periodo, fondamentali per fare fondo ed inoltre danno una buona dose di forza da poter utilizzare in bici.


Quale dev’essere l’approccio a tali sport?
Sicuramente in maniera crescente ma moderata. Consiglio di’ iniziare con delle camminate e passare gradualmente alla corsa. La palestra deve prevedere un periodo di adattamento utilizzando carichi leggeri e solo successivamente passare ad esercizi con carichi più elevati. Il lavoro migliore per il biker è di due tipi: forza massima per gli arti inferiori, mentre invece per gli arti superiori ed il core, che non vengono direttamente interessati dalla pedalata, si consiglia un lavoro propriocettivo e di potenziamento. Rafforzare questi muscoli è di fondamentale importanza sia per la prevenzione degli infortuni che per il miglioramento delle performances. Un atleta per rendere al meglio deve essere completo.


E l’allenamento in bici?
La bicicletta va utilizzata per fare uscite di fondo, magari durante il weekend dove le ore a disposizione per stare in sella sono 2-3 o più ma l’importante anche qui  è pedalare ad intensità controllata.


Tutto ciò si traduce in uscite in bici in agilità?
A mio parere l’agilità fatta fine a se stessa non serve a nulla. Gli allenamenti di agilità io consiglio di farli durante tutta la stagione ma con intensità, rpm e lunghezze ben definite. Non trovo l’utilità di fare i primi 1000 km agili ed anzi ritengo sia una perdita di tempo.

 

Se avete già osservato un adeguato periodo di riposo e ripreso gradualmente l'attività motoria, ti consigliamo di passare subito al prossimo consiglio su come 

 

In conclusione il periodo invernale si traduce quindi in un momento della stagione importantissimo e da non sottovalutare, dove lavorare ad intensità per lo più bassa, facendo esercizi a cui non si è abituati, in modo da dare nuovi stimoli al fisico permettendogli di superare i suoi limiti.


Sarete voi, che con la diversificazione degli allenamenti, a creare nuove situazioni di crescita per il vostro organismo permettendogli di migliorare anno dopo anno. La monotonia blocca il processo di miglioramento motorio e prestativo.

 

Se avete già osservato un adeguato periodo di riposo e ripreso gradualmente l'attività motoria come vi abbiamo suggerito è giunto il momento di passare allo step successivo e scoprire come "COME PREPARARE IL TUO PRIMO APPUNTAMENTO STAGIONALE"

Per maggiori informazioni o suggerimenti al riguardo contattare direttamente l'autore di questo articolo:

 

Dottor Marcello Pavarin

Mail: powerandride@gmail.com
Telefono: 3490630050
Facebook: www.facebook.com/marcello.pavarin

 

Chi e Marcello Pavarin?

Luogo e anno di nascita: nato a Rovigo nel 1986 ,
Titolo di studio: Laurea in Scienze Motorie conseguita presso l'Università di Ferrara
 
Qualifiche sportive riconosciute
- Allenatore di atletica di primo livello FIDAL
- Maestro MTB di primo livello FCI. Secondo livello in fase di conseguimento
- Giuda Ciclosportiva FCI
- Istruttore FCI
 
Specializzazione
Preparatore atletico e biomeccanico
 
Carriera e palmares sportivo
- Ciclista  Professionista su strada dal 2009 al 2012 (Colnago e Vacansoleil).
- Anno 2000: campione italiano inseguimento a squadre e secondo nella velocità.
- Maglia azzurra nel 2008 al giro delle Regioni e allo Zlm Tour.    
- oltre 50 vittorie in carriera.
- Nel 2013 passaggio al fuoristrada prima nel ciclocross e poi nella MTB
- Attualmente atleta del team Bottecchia Factory Team
 
Attuali incarichi professionali
- preparatore atletico team professionistico Unieuro Wilier Trevigiani e della squadra juniores Villadose Angelo Gomme.
- Allenatore    di    atletica    presso    Confindustria    Atletica    Rovigo.
- Titolare del centro di preparazione atletica e valutazione funzionale "Power and Ride"

Please reload

Recent Posts
Please reload

ARCHIVIO